Rimedi naturali

Calcio: fa davvero bene assumere latticini per prevenire l’osteoporosi?

29 novembre 2015
latticini calcio osteoporosi

Mangia uno yogurt… Bevi un bicchiere di latte…

Sono le frasi che sentiamo dire più spesso per prevenire l’osteoporsi, perché “Il calcio fa bene”. Tutto ciò non è errato, ma chi ha detto che bisogna consumare latticini tutti i giorni per la salute delle ossa? E se il calcio fosse contenuto in altri, tantissimi, tipi di alimenti anche vegetali?

Scopriamo insieme perché non si dovrebbero solo assumere latticini per prevenire l’osteoporosi e quali altri cibi sono ricchi in calcio.

Ricordiamoci cos’è l’osteoporosi

Con il termine osteoporosi si intende una condizione di rarefazione ossea, in cui lo scheletro perde appunto massa ossea e resistenza. Tutto ciò è causato da fattori nutrizionali, metabolici e patologici; la loro conseguenza è il rischio di contrarre fratture patologiche a causa della diminuzione di densità ossea e al cambiamento della microarchitettura delle ossa.

Come si previene l’osteoporosi? E perché non sempre il latte è una soluzione?

Prima di tutto bisogna aver ben chiaro che la capacità di assorbimento di calcio in un individuo adulto sano è del 30-40%, e che la “capacità di captazione” del calcio è inversamente proporzionale alla sua concentrazione; ovvero non possiamo assumerne da un solo alimento nonostante questo sia uno dei più ricchi in calcio poiché, ovviamente, non lo assorbiamo tutto.

Nonostante questo, si tende a pensare che consumare tutti i giorni latticini faccia “bene” e sia il modo migliore per prevenire l’osteoporosi. 
Meglio, invece, consumarli alcune volte a settimana e introdurre questo minerale anche attraverso ortaggi come il cavolo, il broccolo, i fagioli e gli spinaci: tutti ricchi di calcio, che viene assorbito dall’intestino in modo diverso. Ad esempio nei cavoli e nei broccoli la captazione del cavolo raggiunge il 50-60%. Molto di più rispetto a quella del latte e derivati che è solo del 30-35%!

Scioccati? C’è altro ancora…

La capacità di assorbimento del calcio non dipende solo dall’età dell’individuo, dalla sua salute, dalla capacità di captazione degli alimenti o dalle quantità di minerali contenute in essi. 
Ad incidere sull’assorbimento di questo minerale vi sono alti fattori nutrizionali.

I più noti sono:

  • La quantità di fosforo alimentare
  • La presenza di ossalati e fiftati (i chelanti che inibiscono l’assorbimento di alcuni minerali)
  • Sovrappeso e obesità
  • Eccesso di fibra alimentare
  • Eccesso di caffè

Quello che nutrizionisti e medici vogliono dimostrare è che il latte non è la soluzione. La risposta a “cosa fare per prevenire l’osteoporosi e mantenere la salute delle ossa” è quella di condurre una vita attiva accompagnata da una dieta bilanciata che non richieda il consumo giornaliero di latticini e che veda protagonisti, per l’assorbimento del calcio, anche tanti altri alimenti!

Articoli che potrebbero interessarti

Nessun commento

Rispondi